da “La Stampa” e per Giulio Regeni

Buona giornata!

 

La proprietà è una trappola: ciò che crediamo di possedere, in realtà ci possiede.

(Alphonse Karr)

 

Carissimi,

due articoli interessanti tratti da “La Stampa” di oggi e delle iniziative su Giulio Regeni

 

 

Da “La Stampa” del 22 giugno 2017

 

LA MALATTIA CHE LITIGA CON LA POLITICA GIANLUCA NICOLETTI

 

La notte del solstizio 2017 tutti a saltare sui falò e a invocare gli spiriti dei boschi. Le fattucchiere e gli sciamani hanno vinto, la scienza ha perso. Si brucino i cattivi vaccini, le medicine dannose create dalle multinazionali. Mamma Ebe con le sue pomate miracolose potrà a pieno diritto presentarsi a Bruxelles e dire la sua. E perché no Vanna Marchi e il Mago Otelma? Tanto la scienza è una cricca al soldo del potere, ci avvelenano con le scie chimiche, ci vaccinano perché così diventiamo tutti autistici e si fa spazio per gli immigrati. (cit. da Facebook). Chi difende il metodo scientifico sia bollito nell’olio di palma, così impara. Ora è lecito ipotizzare che la sclerosi multipla possa essere causata dai vaccini, quindi nessuno ci vieta di affermare che anche la miopia possa insorgere leggendo Flaubert (cit. da Roberto Burioni). Avremo un’Europa che ha scelto ignoranza e superstizione, ma solo perché questo appaga le masse più che l’evidenza scientifica. Chi sembrava impugnare la sua civilizzazione per distinguersi dall’orda dell’islamismo terrorista, ha accettato il neo integralismo del culto per la «medicina alternativa», diffuso e metabolizzato come «verità» più di ogni forma di religione. Gli zuccherini omeopatici curano l’otite e io sono un rettiliano.

 

Buongiorno MATTIA FELTRI

 

Siccome, e per fortuna, conserviamo allegria, ieri   stata indirizzata agli studenti della maturità che ignoravano chi fosse il poeta Giorgio Caproni. L’allegria costa poco. E l’indignazione ancora meno. Così chi non era allegro per tanta ignoranza ne era indignato, e si sono prodotti articoli e brevi inchieste sulla dimenticata e somma arte di Caproni: in una di queste, un’agenzia di stampa (non ne faremo il nome per solidarietà) si è sentita di ricordare la centralità di un gigante del verso come Giorgio Caprotti. Proprio Caprotti, non Caproni. Caprotti è il defunto fondatore dell’Esselunga, e nel suo genere qualcosa di poetico ha fatto, ma comunque non è Caproni. Ora, prima che riparta l’ironia del web, dopo Caproni e Caprotti tocca parlare di un paio di caprette. La prima è Virginia Raggi

che in conferenza stampa, a proposito dell’inchiesta a suo carico, ha detto di avere agito in buona fede. Raggi, già avvocato, dovrebbe sapere che la buona fede non è un concetto giuridico, sennò in buona fede sarebbe consentito buttare la suocera dalla finestra. E poiché è anche sindaco dovrebbe sapere che la buona fede è un’aggravante politica: l’ignoranza allarma, non tranquillizza. La seconda capretta è Matteo Renzi che in nome del garantismo ha augurato a Raggi di dimostrare la sua innocenza. Un ex e aspirante premier, specie quando esibisce garantismo, non può trascurare che nessuno è chiamato a dimostrare la sua innocenza, ma è alle procure che spetta dimostrare la colpevolezza. Dunque, chi era Caproni?

 

Mostra messaggio originale

Il Mercoledì 21 Giugno 2017 16:22, Carla Gottardi <c.gottardi@amnesty.it> ha scritto:

 

 

A TORINO DAL 25 GIUGNO AL 3 LUGLIO UNA SETTIMANA PER CHIEDERE VERITÀ PER GIULIO REGENI

 

Dal 25 giugno al 3 luglio 2017, in occasione dei 17 mesi rispettivamente dalla scomparsa e dal ritrovamento del corpo orribilmente torturato di Giulio Regeni al Cairo, Amnesty International Piemonte organizzerà la “Settimana per Giulio”, in collaborazione con le Circoscrizioni della Città di Torino.

Durante la “Settimana per Giulio”, lo striscione della campagna di Amnesty International Italia “Verità per Giulio Regeni” – obiettivo ancora non raggiunto, a causa della tardiva e insufficiente collaborazione delle autorità egiziane – sarà accolto in ogni Circoscrizione della città di Torino seguendo una staffetta di eventi e di mobilitazioni, indirizzati alla cittadinanza dei rispettivi territori, che avranno l’obiettivo di contribuire a mantenere viva l’attenzione sulla richiesta di verità per l’arresto, la sparizione, la tortura e l’omicidio del giovane ricercatore italiano.

La “Settimana per Giulio” si concluderà lunedì 3 luglio con l’affissione dello striscione “Verità per Giulio Regeni” sulla facciata del Municipio di Torino, in piazza Palazzo di Città, alla presenza della sindaca Chiara Appendino e del presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino.

Il programma delle iniziative sarà presentato venerdì 23 giugno alle ore 11.30 presso la sala Consiglio della Circoscrizione 3, in Corso Peschiera 193.

Interverranno: Alessandra Ballerini, avvocata della famiglia Regeni; Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia; Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione della stampa italiana; Brando Benifei, europarlamentare; Elly Schlein, europarlamentare; Marco Alessandro Giusta, assessore alle Pari opportunità del Comune di Torino; Francesca Troise, presidente della Circoscrizione Torino 3; Francesco Daniele, coordinatore della commissione Cultura Circoscrizione Torino 3.

Alla “Settimana per Giulio” hanno aderito la Federazione nazionale della stampa italiana e l’Unione sindacale giornalisti Rai.

 

Per interviste:

Amnesty International Italia – Ufficio Stampa

Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it

 

Per adesioni e ulteriori informazioni sulla “Settimana per Giulio”:

Paola Belloni, Amnesty International Torino

belloni.pa@gmail.com 3498919148

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...